TifoGrifo.com: Web Radio Tv Perugia, calcio, sport, sito, giornale,news

Sì, sì, sì, Sir! Combattuta vittoria per 3-1 contro Ankara in Champions League

Scritto da il 07/11/2014

p620550984-5

(ASI) PERUGIA – E’ una “EuroSir” – come hanno detto i tifosi Sirmaniaci -, quella che sbanca 3–1 all’esordio nella Cev DenizBank Volleyball contro l’Halkbank Ankara. Di fronte non un avversario qualsiasi, ma i vice campioni d’Europa, una squadra farcita di campioni e allenata da Mister Secolo, Lorenzo Bernardi.

E’ stata una vittoria di squadra per la Sir Safety Perugia che, potendo contare su buoni innesti anche dalla panchina, vedi Adriano Paolucci nel finale, è riuscita a portare a casa un risultato importante per il continuo della competizione e che da tanto morale anche per il campionato.

Unica squadra italiana a vincere nel primo turno di Champions – sconfitte infatti sia Piacenza che Treia nei loro rispettivi gironi -, la Sir ha costruito il successo sui numeri importanti a muro (12 punti) con cui ha anche chiuso la partita, 10 ace la metà dei quali realizzati da Fromm, e sulla forza dei soliti noti: 20 punti per Aleksandar Atanasijevic (3 ace, 42% in attacco, 2 muri), anche se c’è la sottolineare l’ottima prestazione di Gabriele Maruotti, autore di una buona prova in ricezione (58% di positiva) e un elevato coefficiente di attacchi punto (58%), ma soprattutto – al netto di qualche errore di troppo al servizio – ha offerto alla sua squadra l’esperienza e concretezza di cui dispone. Tra le fila di Ankara da segnalare la fruttifera prestazione di Sokolov (22 punti) e dello schiacciatore Kubiak (15 punti) tra i migliori nella squadra.

Nel girone G, i Block Devils si trovano ora a punteggio pieno (3 punti) seguiti dai belgi del Noliko Maaseik (2 punti), poi i francesi del Tours (1 punto), chiude Ankara (0 punti).

Il prossimo impegno continentale vedrà i Block Devils volare in Francia per affrontare il Tours il 19 novembre, ma prima c’è la Calzedonia Verona che arriverà la Pala Evangelisti già domenica per quinta giornata della Superlega.

CRONACA

I SET: Capita raramente di vedere un così alto numero di campioni in campo, Grbic schiera il sestetto migliore con De Cecco e Atanasijevic, Buti e Beretta al centro, Maruotti e Fromm in banda e Fanuli a sostituire Giovi ancora fermo ai box. Bernardi, tecnico di Ankara, risponde con Esko in palleggio in diagonale con Sokolov – vecchia conoscenza del campionato italiano -, Mozdzonek e Batur al centro, Kubiak e Juantorena, un altro che non ha bisogno di presetazioni, schiacciatori e Sahin libero.

E’ la Champions e si vede, grande attenzione da parte di tutte e due le formazioni in campo nei primi scambi: la Sir fa subito il break (2–0) con un punto di Atanasijevic e un errore in attacco di Mozdzonek. I Block Devils in campo ci sono: il muro è alto al punto giusto e le gambe reattive in difesa, Fromm trova l’ace (6–3) e Ankara affila gli artigli con Kubiak, ma Perugia è avanti 8–4 al time out. Secondo ace del set per De Cecco, ma la panchina di Ankara non ci sta (12–5) e Sokolov scarica il disappunto in attacco contro la difesa della Sir; con tre punti consecutivi gli ospiti si rimettono nel cono d’inseguimento della Sir, Juantorena e Sokolov picchiano duro dalla seconda linea e il risultato cambia (14–11). Perugia riesce a mantenere il vantaggio (+3) pur subendo gli attacchi di Ankara e regalando qualche palla di troppo dal servizio, ma nel finale di set un muro su Fromm sancisce il ritorno dei turchi (19–18). I Block Devils conservano gelosamente il break di vantaggio, poi De Cecco s’inventa un tocco di seconda che spezza l’equilibrio (23–21) e Buti mura Juantorena per il set point, ed è lo stesso centrale a mettere giù il punto decisivo (25–23).

II SET: Le squadre mantengono lo stesso equilibrio del primo set, il 3–3 è siglato da un ace di Atanasijevic, e mentre gli ospiti tentano l’allungo con una particolare efficacia in fase di cambio palla, si è già sul 6–8.
Ankara non si ferma sfruttando le imprecisioni della Sir in ricezione che obbligano De Cecco ad un lavoro extra, ma i Block Devils sono della partita e con un muro di Beretta su Batur, si riportano sotto 10–11. Lo spettacolo cresce in campo e Maruotti conferma le percentuali del primo set continuando a fare molto bene in attacco (13–13), si va avanti di punto in punto. Atanasijevic mura da solo Kubiak e inverte il senso dei punti (18–17), ora è Ankara ad inseguire ma è una marcia che dura poco visto che i turchi recuperano subito e si portano avanti (20–22) count ace di Kubiak su Fromm subito sostituito da Vujovic in seconda linea. Due errori al servizio di De Cecco e Maruotti regalano a Ankara il secondo set (23–25).

III SET: Dopo quasi un’ora di gioco le squadre sono pimpanti e i giocatori tentano anche i pallonetti, non solo colpi di potenza. Ankara riesce ad essere più incisiva sopra la rete e Sokolov non risparmia il braccio per vantaggio 2–5. Atanasijevic porta i suoi al pareggio (7–7) e con Buti al servizio la Sir allunga (11— 9) bellissimo il muro di Beretta su Kubiak da seconda linea e fa esplodere il Pala Evangelisti. L’entusiasmo del tifo sale per l’ace di Fromm (13–12) ma i turchi ritrovano la parità con un mani fuori altissimo di Juantorena. Ancora troppi i regali dai nove metri di Perugia e gli ospiti ne approfittano per lanciare la volata al set, ma Grbic ferma il gioco sul 18–20 chiamando tempo. Provvidenziale turno in battuta di Fromm che con punto diretto e l’errore successivo della ricezione riporta i suoi a contatto con Ankara (22–22), poi i muri di De Cecco su Kubiak e di Maruotti su Batur portano la Sir alla vittoria del terzo set (25–23).

IV SET: Break di Ankara in avvio (3–0) con Juantorena in battuta, ma Fromm non vuole essere da meno e piazza il primo ace del set (3–4), poi rapido capovolgimento di fronte e Sokolov trascina i suoi sul (3–7). Dopo il tempo tecnico Ankara dilaga nella metà campo della Sir Safety (5–10), Fanuli fatica molto a tenere vive le battute piazzate di Kubiak e per dare una sferzata al gioco Grbic manda in campo Paolucci per De Cecco. Dalle mani del palleggiatore romano escono buone palle soprattutto per Atanasijevic ma il risultato dice ancora che la Sir è sotto (9–14). L’opposto di Perugia ha deciso di alzare la voce: realizza due ace consecutivi e recupera parte dello svantaggio (12–14), ma la Sir è costretta ad inseguire fino alla parità raggiunta con un muro di Buti su Juantorena (18–18). Da qui si procede punto a punto, con Ankara che sbaglia poco e la Sir che è brava in difesa e muro. Break Perugia con Kubiak che schiaccia anche fuori da seconda linea (23–20), ma i turchi non demordono e si riportano sotto (23–22) costringendo Grbic al tempo. Perugia disperde due set point (24–24), e in un finale sempre più incandescente, con veementi protesta dalla panchina di Ankara per un fallo d’invasione non fischiato a Maruotti, la partita si allunga fino all’ace di Buti che fissa il risultato sul 30–28 per la Sir Safety.

COMMENTI POST PARTITA:

Sul taraflex del Pala Evangelisti si respirava l’entusiasmo per un importante risultato raggiunto, e dopo le prime due uscite non fortunate della Sir Safety in campionato anche il tecnico Nikola Grbic esprime la sua soddisfazione: “Siamo stati molto bravi a rientrare in partita nel quarto set e portarci avanti sul 23–20, avremmo potuto chiedere prima, ma abbiamo visto che squadra aveva davanti da come hanno giocato alcuni punti decisivi e quindi penso che questa vittoria ha un valore aggiunto, perché loro hanno dei campioni che con le loro qualità individuali possono cambiare da soli una partita”. “E’ stata una vittoria di squadra – dice Grbic -, ognuno ha dato il suo pezzettino per portare a casa una partita che potevamo anche perdere”. “Questa vittoria significa tantissimo dopo le due sconfitte iniziali – analizza il tecnico -, siamo una squadra nuova ancora in costruzione bisogna finire di trovare l’intesa anche con quei giocatori, i cambi, che abbiamo visto hanno qualità per migliorare il nostro modo di stare in campo”. Grbic pensa già al campionato, e commenta: “Vittorie così ti danno sicurezze che non trovi scritte nelle statistiche, perché i numeri possono dirti che hai perso di due punti pur giocando bene, mentre invece la vittoria ti carica per il futuro”. E il futuro ora si chiama Verona.
Lorenzo Bernardi, allenatore di Ankara, la vede così: “Il quarto set lo abbiamo reso più facile noi a Perugia, non dovevamo assolutamente arrivare a giocarlo punto a punto”. Anche Bernardi ha apportato alcuni cambi nel corso della partita: “Deve giocare chi sta meglio in quel momento, e chi come nel caso del palleggiatore fa girare meglio la squadra. Per il momento siamo una squadra con ottime individualità ma dobbiamo imparare velocemente a diventare squadra, perché le grandi squadre certe partite le chiudono prima”.
Sorridente anche Goran Vujevic, capitano della Sir Safety Perugia, subentrato a sprazzi in seconda linea che analizza così l’approccio alla partita dei Devils: “Forse non se l’aspettava nessuno una vittoria da tre punti, ma sapevamo che sarebbe stata combattuta e i ragazzi hanno dimostrato di avere coraggio e di sapere giocare bene nei momenti decisivi”. Ottimi gli ingressi in campo di chi è stato chiamato dalla panchina, sintomo che la squadra è in crescita: “Siamo un gruppo molto coeso e lo vogliamo dimostrare in campo, abbiamo avuto alti e bassi, ma ci siamo sempre rialzati”. “Voglio ringraziare il pubblico – conclude il capitano – che è venuto numeroso in un’orario non usuale, grazie davvero ai tifosi che ci danno sempre una grossa spinta per fare bene”.

TABELLINO

SIR SAFETY CCU PERUGIA-HALKBANK ANKARA 3–1

(25–23, 23–25, 25–23,30–28)

SIR SAFETY CCU PERUGIA: De Cecco 4, Atanasijevic 20, Buti 11, Beretta 9, Fromm 13, Maruotti 13, Fanuli (L), Vujevic, Tzioumakas 1, Paolucci NE Barone, Sunder. All. Grbic

HALKBANK ANKARA: Esko, Sokolov 22, Batur 7, Mozdzonek 7, Kubiak 15, Juantorena 16, Sahin (L), Kiyak. NE Kiyak Aksoylu, Ayvazoglu, Subasi, Tekeli. All. Bernardi.

Arbitri: Vladimir Simonovic – Avelino Azevedo

CIFRE:

PERUGIA: 23 bs, 10 ace, 58% ric.pos, 38% ric.prf, 48% att, 12 muri

ANKARA: 22 bs, 8 ace, 58% ric.pos, 42% ric.prf, 46% att, 10 muri

Chiara Scardazza – Agenzia Stampa Italia

Scritto da
il 07/11/2014.
Registrato sotto PALLAVOLO, Primo Piano.

Multimedia

passionebiancorossa

Tifogrifo - Quotidiano ed Emittente Radio-Televisiva Web - Autorizzazione 33/2002 Registro dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 - Iscrizione Registro Operatori Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151 – © Tutti i diritti sono riservati - Studio grafico: EffePi Soluzioni Grafiche - Provider: Aruba Spa